PUGLIA
Secondo mandato per Buongiorno. Modificare legge 199 per attivare Cabina di Regia

Modificare la legge 199 sul mercato del lavoro agricolo per le pastoie burocratiche che impediscono di fatto l’incontro legale tra domanda e offerta di lavoro attraverso le parti sociali sul territorio costruendo una vera alternativa al caporalato, anche con un efficace servizio di trasporto pubblico per i lavoratori dei campi. E’ stato questo uno dei temi centrali del congresso regionale della Uila Puglia, svoltosi a Monopoli, e terminato con la rielezione a segretario regionale di Pietro Buongiorno, al suo secondo mandato, che h illustrato le tesi e le proposte dell’organizzazione dei lavoratori pugliesi del settore agricolo e agroalimentare della Uil. Grave la fase di stallo in cui versa il Psr con i ritardi negli investimenti che stanno penalizzando il comparto. Sul fronte Xylella, ribadita la necessità di procedere quanto prima all’abbattimento delle piante infette e ai rimborsi per i produttori danneggiati, mentre appare necessaria una riforma profonda dell’Arif che vada oltre l’antincendio e l’irrigazione. Il segretario generale della Uila, Stefano Mantegazza, che ha concluso i lavori della prima giornata, ha rilanciato la battaglia sulle proposte di legge di iniziativa popolare consegnate alla Camera con decine e decine di migliaia di firme. “Per noi” ha detto Mantegazza “comincia ora il secondo tempo della partita: avvieremo tutte le iniziative necessarie affinché il nuovo parlamento trasformi in legge le nostre richieste su pensioni, disoccupazione e aiuti alla genitorialità, per la tutela delle fasce più deboli”.

La seconda giornata dell’assise congressuale, invece, ha visto l’intervento del neo segretario generale regionale della Uil Puglia Franco Busto. “Il migliore e più efficace cambiamento che può essere proposto al territorio” ha dichiarato Busto “è fornito dall’esempio, dal coraggio e dalla determinazione, tutti fattori che pure in un settore delicato, ma strategico, come l’agroalimentare, la Uila Puglia, investendo senza indugi su processi innovativi, ha saputo mettere in campo, ottenendo i risultati che sono sotto gli occhi di tutti, ma soprattutto conquistando la fiducia e intercettando con capillarità le esigenze e le istanze di tanti lavoratori e lavoratrici pugliesi”.

Il dibattito tra i 200 delegati presenti è stato concluso da Pietro Pellegrini, segretario nazionale della Uila, che ha sottolineato l’impegno imminente per la fase contrattuale aziendale integrativa da avviare sul territorio nel comparto alimentare. “E’ clamoroso” ha rimarcato poi Pellegrini “il contrasto tra la promesse fatte in questa campagna elettorale e le scelte concrete, subito realizzabili e immediatamente utili per il paese, avanzate da sindacati e Confindustria”.

 


GUARDA LA GALLERY